Back to the list

I Russi non si arrendono!

09.10/2020

Published with the kind permission of the author 

In Russia, come in molti paesi del mondo, gli anni bisestili godono di una cattiva reputazione. Quello bisestile è considerato l’anno delle spiacevoli sorprese, dei problemi imprevisti e delle prove difficili. Il 2020 ha pienamente confermato questa idea poco lusinghiera.


A febbraio, la Russia è stata quasi coinvolta in uno scontro militare diretto con la Turchia in Siria.

A marzo, i prezzi mondiali del petrolio sono crollati.

Poi è iniziata la recessione economica globale e ad aprile il Paese è stato investito dalla pandemia da coronavirus.

L’estate è stata caratterizzata da massicce proteste di piazza a Chabarovsk e la stagione estiva si è conclusa con il tragico incidente di Aleksej Naval’nyj e disordini pubblici su larga scala nella vicina Bielorussia. 

Le vacanze di Capodanno sono ancora lontane, ma anche ora possiamo concludere con sicurezza che il 2020 si è rivelato l’anno più difficile per la dirigenza russa dal’inizio di questo secolo.

Cosa fa il capitano di una nave quando viene sorpreso nel mezzo di una tempesta perfetta? Cala le vele non necessarie, rallenta, manovra virate e, se necessario, si sbarazza della zavorra o getta l’ancora.

La logica suggerisce che l’emergenza avrebbe dovuto portare a cambiamenti significativi nella politica estera russa. Ad esempio, per ridurre al minimo i “beni inesigibili”, per ridurre gravosi obblighi internazionali. Oppure abbandonare la retorica bellicosa e cercare almeno compromessi tattici con avversari geopolitici. O forse anche a qualche simbolica azione unilaterale volta a dimostrare buona volontà e cambiare l’immagine non del tutto favorevole della Russia nella comunità internazionale.

Non stiamo vedendo nessuno di ciò. La politica estera russa, per quanto si può giudicare, non sta cambiando e non cambierà. In nessuna direzione, che sia Siria o Libia, Ucraina o Venezuela. Non si parla di nuove proposte su larga scala, per non parlare di misure unilaterali di buona volontà. La retorica verso l’Occidente, come ha dimostrato la storia di Aleksej Anatol’evič Naval’nyj sta diventando ancora più dura. In generale, la nave della politica estera russa avanza nella tempesta senza rallentare, senza correggere la rotta e senza sbarazzarsi della zavorra o gettare l’ancora.

Qual è il problema qui? Non c’è una grave carenza di nuove grandi idee e iniziative nella comunità di esperti russi. È altrettanto difficile presumere che la dirigenza russa non sia consapevole della gravità della situazione. Eppure, è già chiaro che se il 2020 diventerà l’anno di un importante cambiamento nelle relazioni tra Russia e Occidente, sarà un cambiamento in peggio, non in meglio.  

Una delle possibili spiegazioni di questa situazione è l’inerzia accumulata nel corso del confronto. Gli anni trascorsi dall’inizio della crisi ucraina non sono stati vani né per lo Stato russo né per la società russa. Dispiegare una macchina statale enorme e poco mobile, riconfigurare un pesante sistema di propaganda statale, cambiare gli atteggiamenti che determinano le azioni quotidiane dell’esercito dei funzionari dello stato profondo è come cambiare la traiettoria di una superpetroliera con uno spostamento di centinaia di migliaia di tonnellate. Inoltre, la politica estera russa è ora in gran parte plasmata dal siloviki invece che dai diplomatici o tecnocrati al governo. È ancora più difficile cambiare le idee sociali sul mondo moderno e sul posto della Russia in questo mondo che si sono sviluppate e si sono radicate negli ultimi anni. Solo perché i russi sono stanchi di confrontarsi con l’Occidente non significa che sosterranno con entusiasmo un cambiamento di rotta nello spirito di Michail Sergeevič Gorbačëv o Boris Nikolaevič El’cin.

Un’altra possibile spiegazione è che un ambiente di choc e cataclismi senza precedenti fa sempre sorgere la speranza in un miracolo. E se di questi choc e cataclismi il tuo avversario soffrisse più di te? La crisi del sistema mondiale, peggiorata durante il 2020, è percepita da molti a Mosca come il giudizio finale sull’Occidente. E anche come un finale storico inglorioso dell’economia di mercato e del liberalismo politico in generale. Degna di nota è la recente dichiarazione del consigliere economico presidenziale Maksim Stanislávovich Oreshkin, che ha affermato che quest’anno la Russia entrerà a far parte delle prime cinque economie del mondo. Ma non perché il Paese stia vivendo una rapida crescita economica, ma perché la caduta dell’economia tedesca diventerà più profonda rispetto a quella russa. Se sei sicuro che il tempo sta lavorando per te, che nel superare la crisi sarai più in forma dei tuoi avversari, allora le spinte a negoziare, qui e ora, ovviamente, sono ridotte. 

Tuttavia, la terza spiegazione mi sembra la più essenziale per comprendere le ragioni dell’immutabilità della politica russa. I governanti russi sono da tempo convinti che qualsiasi passo unilaterale, qualsiasi cambiamento nella politica estera di Mosca sarà inevitabilmente percepito in Occidente come un segno di debolezza. E, di conseguenza, come invito a intensificare ulteriormente la pressione occidentale sulla Russia. È questa logica che impedisce al Cremlino di ammettere anche gli errori e gli errori di calcolo più evidenti della politica estera del passato, il che, a sua volta, rende estremamente difficile qualsiasi tentativo di cambiare la politica estera del presente e delineare opzioni politiche alternative per il futuro.

I russi non si arrendono! La politica estera del paese si è discostata raramente da questo principio, indipendentemente dal regime al potere al momento. E anche quando, a seguito di guerre perse o in condizioni di completa disintegrazione dello Stato, era necessario ritirarsi, nella coscienza pubblica c’era sempre un barlume di speranza per una vendetta storica, per il ripristino di ciò che era considerato calpestato dalla giustizia. “Non importa, ci sarà una vacanza anche sulla nostra strada!” I russi ripetevano, digrignando i denti e asciugandosi il naso rotto.

I Russi non si arrendono! Se è così, aspettarsi concessioni da Mosca a seguito di una maggiore pressione esterna è un’idea senza speranza. In realtà, ciò è dimostrato dall’intera esperienza occidentale degli ultimi anni, compresi i tentativi di convincere il Cremlino a cambiare corso attraverso varie sanzioni economiche e politiche. Le sanzioni, ovviamente, hanno causato notevoli danni all’economia russa, ma hanno anche portato al consolidamento dell’élite russa attorno al Cremlino e all’aumento del sentimento anti-occidentale nella società russa.

I Russi non si arrendono! Qualunque cosa possano dire gli entusiasti della crescente pressione su Mosca, la trasformazione del sistema sovietico non è iniziata a causa dell’insopportabile corsa agli armamenti imposta dagli Stati Uniti all’Unione Sovietica. La trasformazione iniziò quando l’URSS non aveva più nemici geopolitici per cementare la società sovietica e legittimare la dirigenza sovietica.

Quanto sopra non significa affatto che l’Europa o gli Stati Uniti debbano perseguire una politica di “pacificazione” nei confronti di Mosca, accettando con sottomissione qualsiasi azione del Cremlino come un fenomeno della natura non soggetto all’influenza umana. Quanto detto significa solo che la pressione della forza non può e non deve rimanere un sostituto universale della diplomazia. Il rifiuto dimostrativo del dialogo, il blocco dimostrativo delle linee di comunicazione, il trattamento della Russia come uno stato canaglia creano solo ulteriori problemi per tutti noi, sia a est che a ovest.

Certo, si può assumere un atteggiamento attendista, contando sul fatto che, non volendo cambiare rotta nel mezzo della più grave tempesta geopolitica, la nave della politica estera russa prima o poi andrà a sbattere contro la scogliera. Ma se lo farà, le conseguenze di questo epico naufragio influenzeranno senza dubbio il mondo intero. L’Occidente difficilmente può essere interessato a un simile sviluppo di eventi.

Source: Vision & Global Trends